Usare lo smartphone come telecomando TV

Qualche tempo fa ho proposto in queste pagine un circuitino basato su un convertitore USB-RS232 da collegare ad un tablet Android per realizzare un telecomando a raggi infrarossi. In quell’occasione il convertitore USB veniva “visto” da Android come una porta seriale ttyUSB5, ma si trattava di una vecchia versione del sistema operativo (la 2.6 se ricordo bene). Nelle nuove versioni, le periferiche USB sono gestite in modo del tutto diverso e così la vecchia applicazione che avevo scritto un paio d’anni fa non funziona sui nuovi dispositivi. A questo punto, ho pensato di riscriverla perché possa funzionare sui nuovi smartphone (o tablets) basati su Android 4.0 e successivi. Nella foto sottostante potete vedere il mio smartphone con la periferica collegata e il programma in funzione.

IRemoteUSB-pic1A parte la gestione dell’interfaccia USB, il principio di funzionamento è lo stesso. Si sfrutta la porta seriale per inviare dati formattati in un modo particolare. Utilizzando la velocità di 115200 BPS, una lunghezza di 7 bits ed 1 stop bit, infatti, si ha la possibilità di generare dei “bursts” di 38.4 KHz che vengono ricevuti molto bene dal sensore IR contenuto nel TV. Nel disegno qui sotto si vede come questo sia possibile:

serial7bitIn questo esempio vediamo la trasmissione seriale di due caratteri di valore 0x5B (hex) ; se però guardiamo la forma d’onda da un punto di vista differente, scorgiamo un burst di 6 impulsi con una frequenza di 38.4 KHz ! Ogni bit, a 115200 BPS, dura infatti 8.68 uS ; noi usiamo 3 bits per definire un periodo della nostra onda rettangolare e così la durata totale è di 26.04 uS che corrisponde appunto alla frequenza di 38.4 KHz. Grazie a questa “fortunata coincidenza”, possiamo usare la porta seriale per emettere una serie di caratteri che formano bursts e pause rispettando il protocollo di trasmissione di un telecomando a raggi infrarossi. La mia applicazione per Android utilizza il protocollo SONY e funziona perfettamente con un televisore di modello “Bravia”. Si possono realizzare senza problemi anche altri protocolli, quali il NEC o il Philips (RC5) ; il programma sarà diverso, ma il principio resta lo stesso.

Ovviamente, non basta usare lo smartphone e scaricare l’applicazione, si deve avere una interfaccia USB-TTL e in più si deve costruire un piccolo circuitino. La figura seguente mostra lo schema elettrico ed il prototipo.

IRemoteUSB-schEsistono moltissimi modelli di interfaccia USB-TTL, io ho comprato quella mostrata in figura presso un “noto negozio on-line” ed ho speso (compresa la spedizione dalla Cina) meno di due Euro. Il circuitino con il transistor serve a dare un po’ di potenza al LED infrarosso ; con questa interfaccia e “mirando” bene verso il sensore del TV, ho raggiunto una distanza utile di oltre tre metri.

L’applicazione per Android è molto semplice: ha solo sei tasti che servono per le funzioni “classiche”, che sono il cambio di canale (CH+ e CH-), la modifica del volume (VOL+, VOL- e MUTE) e l’accensione / spegnimento del TV (POWER).

Screenshot_2014-11-27-13-46-43Se si lancia l’applicazione SENZA aver collegato l’interfaccia USB, si riceve una schermata di errore.

Screenshot_2014-11-27-13-26-26Se invece si lancia l’applicazione con l’interfaccia collegata, viene richiesta l’autorizzazione all’uso di tale periferica da parte del programma.

Screenshot_2014-11-27-13-46-30L’applicazione è disponibile gratuitamente su Google Play , mentre il circuito lo dovete costruire voi… 😉 Buon divertimento.