Telepatometro

Mi sono un po’ stufato delle compagnie telefoniche e delle loro “variazioni di contratto unilaterali”, che significa che se vuoi continuare a usare il telefono devi tacere e accettare le nuove condizioni. Perché mai dobbiamo continuare a usare questi collegamenti “primitivi” per contattare una persona (o un dispositivo) a distanza ? Perché non usare la TELEPATIA ? Ah, forse voi pensate di non essere telepati. Beh, non tutti lo sono. Non fatevene un cruccio. Però, forse lo siete e non lo sapete ! Allora vi serve un dispositivo per misurare le vostre capacità di telepate, come “trasmettitore” o come “ricevitore” o in entrambi i ruoli.

E’ da tanto che penso a come sarebbe bello un mondo pieno di telepati, dove ci si possono scambiare idee senza parlare, senza ipocrisie, senza menzogne. Lo so, sarebbe la fine per una certa classe politica e soprattutto per le compagnie telefoniche. E allora che aspettiamo ? Per dimostrarvi che è da un po’ che ci penso, vi invito a visitare questo link, dove potrete scaricare una copia in PDF della rivista “Electronics Projects” del Gennaio 1990. Sfogliate la rivista fino a pag. 25 e lì troverete un mio articolo che ha come titolo “Il telepatometro” !

Quella volta, come strumento per misurare le capacità telepatiche, avevo fatto un circuito con un micro 6804 (Motorola). Ho ancora il prototipo :

Oggi vi presento una versione più moderna 🙂 ma il concetto rimane lo stesso. Qui sotto vedete una schermata della App per Android :

Ho messo qui l’immagine in orizzontale, per fare un raffronto con il “vecchio modello”, ma in effetti l’App supporta solo l’orientamento verticale (portrait).

Come funziona ?

Lo schermo del telefono è separato in due da una riga gialla. In alto c’è il lato del “ricevitore”, con cinque pulsanti ognuno dei quali ha un simbolo Zener, della serie usata anche da persone che effettuano esperimenti seri in questo settore. In basso c’è la parte del “trasmettitore”, con un display a due cifre, un pulsante di “exit” e un altro per avviare e controllare l’andamento della prova.

Facciamo un giro: due persone si mettono sedute a un tavolo, una di fronte all’altra, con il telefono in mezzo. Al centro del telefono (sulla riga gialla) si piazza uno schermo (può essere un pezzo di carta, oppure la mano di uno dei giocatori) in modo che il “ricevitore” non possa vedere cosa c’è dal lato del “trasmettitore”. Il “trasmettitore” preme il pulsante a destra (quello con le due frecce tonde) e nello spazio centrale appare (in modo casuale) uno dei 5 simboli Zener: cerchio, quadrato, croce, stella, onde. Il “trasmettitore” si mette a pensare intensamente al simbolo visualizzato e il “ricevitore”, se è telepatico, sicuramente visualizzerà nella sua mente tale simbolo, quindi premerà il tasto corrispondente dalla sua parte. A questo punto il “trasmettitore” premerà di nuovo il pulsante a destra per estrarre un nuovo simbolo. La cosa andrà avanti per 20 volte (ho verificato che con più prove mi viene mal di testa) e alla fine ci sarà il conteggio dei risultati indovinati dal “ricevitore”. Tale valore sarà visualizzato sul display, che in tale occasione sarà lampeggiante. Per ripartire con un nuovo test (magari scambiando il “trasmettitore” e il “ricevitore”) si premerà di nuovo il solito pulsante a destra, oppure “exit” per terminare.

Probabilità

Avendo 5 simboli, la probabilità di indovinare quello giusto è del 20% (una su cinque) e quindi, ripetendo la prova per 20 volte, tipicamente avremo un totale di “carte indovinate” pari a 4. Possiamo verificare questa cosa facendo premere al “ricevitore” sempre lo stesso pulsante (lo stesso simbolo) per tutti e 20 i tentativi. Il valore ottenuto non si discosterà molto da 4. Allora, come facciamo a vedere se c’è telepatia ? Se due persone riescono ad ottenere un valore che si discosta MOLTO da quello previsto, tipo 8, 10 o più, potremo affermare che c’è qualcosa di “strano” (se non abbiamo imbrogliato) . Conviene fare questo “gioco” con molti amici, provando diverse combinazioni di “trasmettitori” e “ricevitori”. Va benissimo fare queste prove al tavolo di un Pub, ripetendo l’esperimento dopo uno o più boccali di birra ! L’importante è che chi poi dovrà guidare resti sobrio, anche se sfortunatamente non dovesse risultare telepatico !

Trovate l’App sulla mia pagina di Google Play, è gratuita.

Ecco un esempio di uno schermo di protezione realizzato con un pezzo di carta e due stuzzicadenti, in meno di un minuto. In questo modo si sta più comodi e nessuno “sbircia”. E’ facile realizzarlo (pure meglio) anche con materiale che trovate al Pub. Sarà un ulteriore divertimento…