Immagine di un disco

In questa pagina parliamo di immagini del disco…

Questo √® un disco volante ūüôā e non ha niente a che vedere con quanto voglio descrivere.
Nonostante sia definito “disco”, quello di cui voglio parlare √® un dispositivo di forma rettangolare.

I pi√Ļ smaliziati avranno notato la totale assenza di forme rotonde ; eppure… sono dischi.

Per “immagine del disco” si intende un file in cui √® salvata una copia di TUTTO il contenuto di un disco, SETTORE per SETTORE, quindi non importa che tipo di file system sia installato, quante partizioni, quali. E’ una serie di blocchi di dati grezzi, messi insieme (per comodit√†) in un file che pu√≤ essere utilizzato (con appositi programmi) per “clonare” su altri dispositivi un disco originale, rispettandone la struttura (partizioni con relativi file-systems) ed i dati contenuti. Uno strumento formidabile per trasferire via internet (o su supporti di memoria USB) un intero disco.

Parlando di programmi in grado di “trattare” questi files immagine, ce ne sono disponibili, spesso gratuitamente, su moltissimi siti internet e basta fare una ricerca con Google per avere l’imbarazzo della scelta. Io, dopo aver dato un’occhiata in giro, ho scelto Win32 Disk Imager perch√© √® open-source (mi piace vedere cosa c’√® dentro) e si √® comportato benissimo nell’uso pratico. Il link al sito dove pu√≤ essere prelevato √® disponibile nella parte destra della pagina, sotto “links utili”.
ATTENZIONE !!! Questi programmi scrivono sul disco in maniera “cieca”, cio√® se dite loro di scrivere il contenuto del vostro file immagine copia_di_disco.img sul disco C: , vi ritrovate SENZA PIU’ IL VOSTRO SISTEMA OPERATIVO, perch√© il disco C: , al termine delle operazioni, √® diventato il “clone” di quello salvato a suo tempo sul file copia_di_disco.img . Triplo check, quindi, della lettera indicante il supporto di destinazione per la copia.
In genere queste operazioni sulle memorie flash si effettuano su chiavette USB o sui lettori interni di SD-Card del proprio Netbook / Notebook ; verificate BENE, quindi, quale lettera di unit√† sia stata assegnata dal sistema alla periferica. Qui sotto c’√® la finestra del programma in esecuzione :

Potete vedere in alto a sinistra il nome del file, in alto a destra la lettera di unità e in basso i comandi. Write scrive il contenuto di un file .img sul disco (F: in questo caso) e Read legge dal disco e salva su un file (qualora voleste fare una copia di un vostro disco).

Un altro programma di cui avrete sicuramente bisogno (molti files .img sono zippati per risparmiare spazio) √® 7Z (7.Zip), un’applicazione “open source” (come al solito) per compattare / scompattare files. E’ molto efficiente, apre praticamente qualsiasi tipo di archivio e si integra nella shell di Windows.
Se il prezioso tecnicismo “si integra nella shell” vi fa venire in mente solo una scena al distributore di benzina, allora mi correggo e dico: “il programma aggiunge se stesso al men√Ļ che viene fuori quando cliccate su un file con il tasto DESTRO del mouse”.
Il link per accedere al sito dove potrete scaricare il programma √®, come al solito, nella colonna a destra della pagina, sotto “links utili”.