RFID reader for 125 KHz tags, RS232 output (also works as electronic lock)

This circuit, based on Atmel micro ATtiny2313, reads RFID tags at 125 KHz. The code of the first tag read after micro burning is stored in the internal earom and then causes a pulse of about one second on relay contacts every time that tag is placed near the reader. This makes it possible to realize a simple and touchless electronic lock. The stored tag, and every other tag that’s placed near to the reader, also cause the serial output of the inside code, in ASCII format, allowing to implement a generic reader for access control. This circuit was published by me on the magazine CQ Elettronica in the May 2009 issue and entitled “RFID reader 125KHz”; consult the magazine for more details on the circuit and implementation.

Want to take a look at C source file ? Click here

To burn the micro, the freeware SP12 has been used, in the versions for WinXP or Win2K. The batch files included in downloadable ZIP require the use of this software for programming the micro (you can easily find it with a Google search). If you have another tool for micro burning, the configuration for fuses in the application described is the following :

// CONFIGURATION Fuses: Ext = 0xFF High = 0xC9 Low = 0xDF
// Note: SP12 High Fuses used in only 6.1 bits, so 0xC9 (11001001) becomes 0x24 (100 100)

The downloadable file EF150.zip contains:
–  schematic.pdf – electric schematic in PDF format
– top.pdf – Printed circuit board layout (single sided) in PDF 1:1 scale
– topprint.pdf – layout of components on the circuit
– rfid.hex – compiled HEX file ready to be burned into the micro
– wrFuses.bat – batch file to program the micro fuses
– wrProg.bat – batch file to start the firmware programming
– wrEarom.bat – batch file to overwrite the earom (stored tag)
– ef150pic.jpg – photos of the circuit mounted
– interfaces.gif – a couple of circuits to interface the card to a PC or a micro
– earom.txt – text file containing the 5 bytes to erase key tag in earom

Added Ago 30 2009
Coil has 105 turns of 0.2mm wire wound on 30mm diameter support; in the prototype I used the neck of a plastic bottle, visible in the figure.

Added Feb 28 2010
Note: The driver SN75176 is used ONLY as power driver, but the circuit works even if you remove the chip and simply put a jumper between pins 4 and 6 of the 8 pin socket. Obviously, the driver makes more “relaxed” the microcontroller’s output pin PB2.
Added Mar 1 2010
Note: You can browse the SP12 AVR programmer project at this site/url:
http://www.xs4all.nl/~sbolt/e-spider_prog.html.
Added Mar 2 2010
Oops, someone noticed that the circuit’s picture shows an ATTiny2313V-10PU cpu; well, the right chip is the one that’s in the circuit’s schematic diagram: the ATTiny2313-20PU. The last one, in fact, can run with the 16 MHz crystal needed by the application, while the first one is guaranteed only up to 10 MHz. The reason for the 10 MHz version mounted on board is (simply) that I didn’t own the fast version and tried (successfully) with the slow one. Ok, DON’T LOOK at the picture, look at the schematic diagram !!!

Added Sep 10 2010
The active range is about 3 cm with the coil shown in figure. Better results can be obtained modifying the coil diameter (and the number of turns, obviously).

Recently, I have done a personal version of RS232 (or USB-RS232 converter) programmer for ATtiny2313 micro using only 74HC00 as active part; if you like to use my own Atmel AVR programmer for ATtiny2313 burning, this is the map for fuses :

Invention #4: the WineCertifier

This device is based on olphactive cells of the dog, so if you don’t have one, please ask to your friends and then, when they made calm the dog, gently use a cutter to take a small, small slice of his nose. When you have cut the slice, probably the dog will bark and see you with much hate in his eyes, but explain him that it’s for a great experiment, then offer to meet a female pedigree dog as repair action. Well, when you have the nose slice, fullfilled of olphactive cells, you must connect it to a microcontroller. Take two copper wires and place them on the opposite faces of nose slide. Put an aluminium foil all around and leave just a little hole open, that will be your sensor’s active area. The microcontroller will be connected to LCD display for show you the results, but the internal memory is too small to contain all the samples needed for an accurate scanning of the substance under test. So, the micro communicates with a your smartphone via Bluetooth interface and the smartphone is connected to a huge database via internet.

How it works:
Turn on the device; a blinking led will inform you about the state of the device. If the led slowly turns on and off, then the device is sleeping (remember, it’s based on dog’s nose cells, so it will follow the dogs biorhytms). When the device is on, then go in a supermarket and go toward the drinks sector. Gently put the sensor on the bottle you want to scan and press the button on the device. The nose cells will activate immediatly and you can ear a sound like “sniff sniff” coming from the embedded loudspeaker. When this operation has been completed, the resultant raw data is sent, via internet, to the big database (it’s in Italy in  “Castelli Romani” zone). In a couple of hours you will receive the answer: the bottle is wine, or water or dish cleaning formula, or all of them put together. Then you can buy it or leave it, following your istinct. Hope you can find it useful. Ask me for free plans of the entire device… Bye

P.S. no dogs were injuried by this invention, until now…
and today is April first
… other “inventions” can be found at my “Probably True Corner

P.O.V. – Auguri rotanti

Questo circuito genera la scritta “AUGURI” a matrice di punti, ma utilizzando solo una striscia di 7 (oppure 8) LED. Grazie alla P.O.V. (Persistence Of Vision), cioè l’effetto ottico di persistenza delle immagini sulla retina, basta far roteare la scheda (fissata, come si vede, su un bastoncino di legno con un perno in forndo), per vedere “apparire” la scritta. E’ possibile personalizzare il messaggio modificando in modo opportuno i valori scritti nella memoria dati. Pubblicato a mio nome sulla rivista CQ Elettronica Aprile 2007 con il titolo “Auguri rotanti”; consultare la rivista per maggiori dettagli.

Il microcontrollore utilizzato è un ATtiny2313 in SMD; lo schema in formato PDF è disponibile nel file scaricabile a questo link , insieme al resto della documentazione.

Il file Aprile07.zip contiene :
– sch.pdf – lo schema in formato PDF
– cs.pdf – il disegno del master in PDF stampabile in scala 1:1
– striscia.hex – il file compilato pronto per essere trasferito sul micro
– earom.txt – il file che contiene i dati per accendere la scritta AUGURI
– wrDati.bat – il file batch per avviare la programmazione dei soli dati (scritta)
– wrProg.bat – il file batch per avviare la programmazione del firmware e dei dati

Programmer for Atmel ATtiny2313 (and others)

Simple programmer for Atmel AVR micro ATtiny2313. The only integrated circuit used is the 74HC00 (or 74HC132), then no pre-programmed element is needed to operate. The programmer can be connected to RS232 serial port or USB to RS232 converter. The control program for Windows is freely available for download, while the VB6 full sources, easily modifiable / expandable to meet other types of micros, can be obtained on request. My circuit has been published (in italian language, of course) on “CQ Elettronica” magazine in May 2010 issue. Look at the magazine for more details about the circuit and software operations.

The freely downloadable zip available at this link contains:
– Schema.pdf ; the electric diagram
– Top.pdf ; the PCB board design in 1:1 scale
– Foto.jpg ; the picture of the circuit mounted
– Atprog-install.zip ; the setup for Windows application

Note: For installation on Win98SE, you may need to download from the Microsoft website the latest Visual Basic Runtime 6 (VBRun60sp6.exe).

Questions and answers:
2010, Oct 25
Question:
I have built your Simple Attiny2313 Atmel AVR Programmer. When I run it it comes back with a communication Error. Check the Clock or Power Supply. I am using a 5 volt DC Power supply. Also I couldn’t get a 74HC132 chip, and am using a 74LS132 chip, could this be the problem. Also I made up A serial Cable. Could you please let me have your DB9 Wiring for this Cable to fit your unit. DB9 to DB9.
Thanks
Neil

Answer:
Hello Neil. First of all, use HC series IC ; if you can’t find the 74HC132, please use a 74HC00 but NOT an LS series IC. This can’t work ‘cause the different input impedence makes the delay circuit timings out of specifications.
As second, make sure that the programmer circuit and the microcontroller under programming are both powered with the same supply (5V or 3V). The microcontroller MUST be powered to work !
Third: be sure that the microcontroller has its own oscillator connected to xt pins if you programmed the internal fuses for external clock !
The serial port connections are standard, you can attach a flat cable male / female connector to your PC. Look at the circuit schematic for details.
Hope this helps… bye
Emilio

Nokkiero – telecomando via SMS con un vecchio cellulare Nokia 5110

Telecomando via SMS.
Utilizza un telefonino Nokia 5110 come ricevitore e può controllare fino a 7 relè. La ricezione può essere abilitata con chiamata proveniente da qualsiasi telefonino o solo da uno specifico numero. I comandi inviabili sono 3: ON, OFF e PULSE. Pubblicato a mio nome sulla rivista “Fare Elettronica” (Edizioni Inware) Febbraio 2004 con il titolo “Nokkiero, telecomando via SMS”.
Il file scaricabile gratuitamente nokkiero.zip contiene:
inthebox.jpg – una foto del dispositivo inserito in una scatola
main.s19 – il codice in formato S19 Motorola per programmare il micro
prognote.txt – avvertenza per chi programma un micro OTP
schematic.pdf – lo schema elettrico del circuito in formato PDF
Per i particolari, consultare la rivista.

Remote control via SMS.
Using an old Nokia 5110 GSM phone as receiver and 68HC05 micro, you can control up to 7 relays. The activation can be selected as free (from any calling number) or limited to a specific phone number stored in memory. The commands available are 3: ON, OFF and PULSE. Each command can be directed to relays 1 to 7. It was published by me on the italian magazine “Fare Elettronica” in the Feb 2004 issue.
The freely downloadable file nokkiero.zip contains:
inthebox.jpg – a picture of the circuit placed in a box
main.s19 – the Motorola S19 code needed to burn the micro
prognote.txt – special not for programming an OTP chip
schematic.pdf – the electronic diagram in PDF format
For additional informations, look at the magazine.

Intercettare tastiera IR di Telecom

Questo circuito converte i segnali ricevuti da una tastierina ad infrarossi della Telecom in dati ASCII inviati su una porta seriale RS232 ; l’uscita può essere collegata, per esempio ad una porta seriale di un PC, usando così la tastierina remota come terminale d’ingresso seriale. Il progetto è stato pubblicato a mio nome sulla rivista CQ Elettronica nell’Ottobre 2006 con il titolo “Intercettare la tastierina a infrarossi per SMS di Telecom”. Nella foto sottostante, il circuito montato :

La tastierina Telecom, per l’invio degli SMS da un telefono fisso predisposto all’uso ; è alimentata da tre pile ministilo da 1.5V ed ha una portata utile di diversi metri :

Il file Ottobre06.zip , disponibile per il download, contiene :

– lo schema elettrico
– il master per il circuito stampato in scala 1:1
– il piano di montaggio
– il file HEX per programmare il microcontrollore Z86E04

Per ulteriori particolari, consultare la rivista o la mia pagina delle pubblicazioni.

Allego il sorgente di un file in C, che può essere usato sotto DOS per reindirizzare i caratteri provenienti dalla porta seriale COM2 sul buffer per la tastiera di sistema. Con questo trucco, i caratteri provenienti dal circuito verranno considerati dal PC come se fossero stati premuti sulla vera tastiera di sistema, quella connessa alla porta PS/2 o DIN. Il programma, ovviamente, funziona SOLO sotto DOS, vero DOS, non una finestra DOS di Windows 🙂

#include <dos.h>
#include <conio.h>

const int dbr = 0x2f8;
const int dll = 0x2f8;
const int dlm = 0x2f9;
const int lcr = 0x2fb;
const int mcr = 0x2fc;
const int lsr = 0x2fd;
const int msr = 0x2fe;
const int ien = 0x2f9;

void interrupt (*savold)(void);

void interrupt Sercom2(void)
{
unsigned int far *kbd_buf;
unsigned int k;

    kbd_buf = MK_FP(0x0000, 0x0400);
    k = inportb(lsr);
    k = kbd_buf[0x1c/2];
    kbd_buf[k/2] = inport(dbr);
    k += 2;
    if(k == 0x3e)
        k = 0x1e;
    kbd_buf[0x1c/2] = k;
    outportb(0x20,0x20);
}

void Cominit (unsigned int speed, unsigned int dabit,
              unsigned int stobit, unsigned int parity)
{
int quot;

    disable();
    outportb(0x21, inportb(0x21) & 0xf7);
    quot = (short)(115200 / speed);
    outportb(lcr, 0x80);
    outportb(dll, quot % 256);
    outportb(dlm, quot / 256);
    if(parity > 1)
        parity = 3;
    outportb(lcr, (parity << 3) + ((stobit -1) << 2) + (dabit -5));
    inportb(dbr);
    outportb(mcr, 0x0f); /* set DTR and RTS */
    inportb(mcr);
    outportb(ien, 1);
    savold = getvect(11);
    setvect(11, Sercom2);
    enable();
}

extern unsigned _heaplen = 1024;
extern unsigned _stklen  = 512;

int main(void)
{
    clrscr();
    printf("ROBOTOP 2004\n");
    printf("Serial input COM2 redirect to keyboard buffer.\n");
    Cominit(2400,8,1,0);
    keep(0, (_SS + (_SP/16) - _psp));
    return 0;
}

Html più Php = labirinto interattivo

Ho realizzato, qualche tempo fa per scopi didattici, usando unicamente html e php, un piccolo “labirinto” interattivo che può essere facilmente installato su qualsiasi host (io uso, ovviamente, Altervista) che permetta di far “girare” programmi PHP. Per disegnare le “stanze” con le varie combinazioni di porte e oggetti, ho usato un software 3D dell’Ikea:si chiamava Kitchen Planner, era una versione “free” del 2005, se non sbaglio. Una volta disegnate le varie stanze, ne ho fatto dei files jpg che vengono richiamati a seconda della “mappa” del labirinto, inserita in un file di testo, e della “porta” scelta dall’utente durante l’esplorazione dello “strano edificio”. In qualche stanza ci sono “oggetti” cliccabili, ma non voglio dirvi tutto… Se volete dargli un’occhiata cliccate su questo link e vi troverete sulla pagina di partenza, che vedete qui sotto…

labishot

Midi Expander con scheda audio ISA

139cirpic

Basato su micro PIC18F4320, questo circuito permette di realizzare un piccolo expander MIDI con una scheda audio per bus ISA. Testato su 2 diversi circuiti, dovrebbe funzionare per qualunque scheda compatibile ADLIB (l’indirizzo di I/O DEVE essere 0x388). Il software (in questa prima release) risponde a comandi MIDI sul canale 1. I suoni sono generati per mezzo del sintetizzatore FM presente sul chip della scheda audio. Nelle prossime versioni i preset degli strumenti saranno caricati nella earom del micro, invece che nella memoria programma, in modo da consentire esperimenti per la creazione di timbri personalizzati.
I preset possono essere cambiati tramite MIDI dal numero 1 al 16.
Il file scaricabile ef139.zip contiene lo schema del circuito in formato PDF, il file oggetto .hex per programmare il micro e un programma di prova che permette di verificare su un PC se una scheda audio è compatibile con il circuito. Nota: quest’ultimo programma funziona SOLO in modalità DOS reale, non in una finestra DOS di Windows.

139alimpic

L’alimentazione viene ricavata da due trasformatori a uscita variabile di basso costo, regolati sui 9 Volt (in effetti l’uscita è prossima ai 12V).

Look at this short demo video to see the circuit working. Note that it’s in my personal version of english language 🙂 Sorry for that…

pic-isa-midiexp di robotop

Note: I recently added a zip file called midisrc.zip with all the C files used in this project. The C syntax is not very clean, ‘cause I translated the program from the original one I wrote many years ago in Assembly language for a different microcontroller ; for such reason you can read some “goto” instruction… it’s not elegant for a C program, but was useful for quickly translation from asm. 😉

Based on micro PIC18F4320, this circuit makes possible to realize a small MIDI expander using an old ISA-BUS soundcard. Tested on 2 different cards, it should work for any card ADLIB OPL3 compatible (the I/O address MUST be 0x388). The software (in this first release) responds to MIDI commands on Channel 1. The sounds are generated by the FM synthesizer built in the soundcard. The power is derived from two low-cost wall transformers (see picture) with variable output, set to 9V (the output is close to 12V). In future versions presets instruments will be loaded in the micro earom, rather than in the program memory, to allow experiments to create personalized sounds. The presets can be changed via MIDI ranging from 1 to 16.
The file ef139.zip contains the circuit diagram in PDF format, the object file .HEX to program the micro and a test program to verify on the PC if a soundcard is compatible with my circuit. This program runs ONLY in true DOS mode, not in a Windows DOS session.

Recentemente ho ricevuto alcune email con un argomento interessante: lo sviluppo di un piccolo sintetizzatore sempre partendo dalla base di una scheda audio ISA. Riporto (con alcuni omissis) il carteggio in questione :

Domanda:
Ciao Emilio
grazie per avermi risposto, ho visto il tuo progetto e volevo capire se poteva fare al caso mio, se ho ben capito ci posso collegare una tastiera midi e farla suonare tramite gli sf2 built-in della scheda audio (almeno credo), quindi penso che il pic serva per controllare i suoni nativi della scheda audio, confermami se ho capito bene , in alternativa mi interessava capire cosa ci potrei tirare fuori dal “giocattolino”, inoltre secondo te e’ possibile pensare di usarlo per costruirci attorno un mini synth ??

Risposta:
Ciao Mirco. Il PIC controlla direttamente i generatori FM OPL-3 e non usa altro. In pratica, i timbri vengono “costruiti” modificando i registri del chip audio direttamente. Ovviamente, data la mancanza di ram e di DMA, non è possibile usare la risorsa PCM. Tantissimi anni fa ( TRENTA ! ) progettavo strumenti musicali elettronici e così ho trasportato una parte del lavoro che feci allora con gli integrati Yamaha OPL-2, sui chip (assolutamente compatibili) delle varie schede audio ISA. Anche se gli OPL-3 hanno un operatore in più, io ho usato il subset corrispondente ai vecchi modelli. I timbri, quindi, sono tutti di mia programmazione e corrispondono ai suoni principali (chitarra, violino, tromba, clarino, organo eccetera), ma basta modificare alcune tabelle di look-up per ottenere nuovi timbri. Francamente, però, non credo di avere più la documentazione originale dei chip Yamaha, però penso che una ricerca con Google ti permetterà di trovare qualcosa in giro.
Per il funzionamento, sì; se colleghi una tastiera MIDI muta al mio expander, puoi suonare e cambiare i preset. La polifonia, se ricordo bene, l’ho fatta a sette note. Se ne premi di più (contemporaneamente) la più “vecchia” viene eliminata e sostituita dalla più recente.
In pratica, per costruire un sinth, dovresti aggiungere qualcosa per manipolare i dati nei registri, in modo da creare nuovi timbri con pulsanti o potenziometri. Lo spazio sul micro è abbondante, secondo me la cosa è realizzabile.

Domanda:
Ciao Emilio
Moooolto interessante cio’ che mi scrivi, anche se francamente sono a digiuno da troppo tempo sull’elettronica e in particolare sui PIC, pero’ quello che mi hai descritto mi ha chiarito le idee e mi ha messo altri dubbi, nel senso che mi scrivi che hai programmato il pic per ottenere dei timbri (chitarra, violino ecc), ma come fai a cambiare il timbro nel progestto originale ?? inoltre per creare dei nuovi timbri dovre dovrei agire nel codice ?? e per ultimo per il synth come procederesti ? immagino che si dovrebbe costruire qualcosa di analogico che venga letto dal pic per poi ricodificare i chip della scheda audio. Per la polifonia a 7 note per le mie esigenze basta e avanza 🙂
Ti chiedo tutte queste cose per 2 motivi:
1) costruirmi un expander analogico per una delle mie tastiere (e’ vero che con un pc e un po’ di sw si fa prima, pero’ il fascino di un aggeggino hw home made non ha prezzo)
2) potrebbe essere la base per la tesina dell’ esame di maturita’ per mio figlio (si diploma in informatica e farebbe il connubio elettronica informatica e musica)

Risposta:
Ciao Mirco. La sintesi FM che si utilizza nei vari OPL-2 e OPL-3 di brevetto Yamaha, basati sul lavoro di Chowning sulla generazione di spettri di frequenze complessi, mediante modulazione di frequenza, consiste (da parte del programmatore) nello scrivere alcuni parametri nei registri degli oscillatori. Ovviamente il parametro principale è la frequenza di base, cioè l’altezza della nota. Poi ci sono tanti altri fattori, tipo l’ADSR (attack, decay, sustain, release) per ognuno degli oscillatori, la modulazione di un oscillatore con l’altro e via dicendo. Ovviamente, le combinazioni di questi dati producono una quantità ENORME di effetti sonori, ma poi, alla fine, quelli utilizzabili per suonare davvero, sono giusto una ventina. Ovviamente, se ti piacciono i rumori di astronavi aliene, ne puoi creare a centinaia, ma poi che ci fai ? Ci crei un richiamo per extraterrestri ?
Per quanto riguarda il PIC, è uno dei micro che mi piacciono di meno, però si trova anche dal salumiere (quasi) e costa poco. Io ne avevo presi 5 su ebay (di quelli a 40 pin) in un ozioso pomeriggio di domenica e una volta arrivati ho deciso di utilizzarli per questa idea che mi era venuta in mente qualche tempo prima. Il programma sorgente, però, è tutto scritto in C, quindi si può trasportare su qualsiasi altro micro (con adeguato numero di porte di I/O e di flash e ram) senza grosse difficoltà. I timbri sono scritti su tabelle in flash, quindi diciamo che fanno parte del codice sorgente in C, ma nulla vieta di spostare le tabelle in ram o sulla earom (non volatile) presente su tanti tipi di micro. Una volta messe le tabelle su queste memorie alterabili (la ram o la earom) è possibile variare tutti i parametri e quindi produrre timbri a volontà. Tieni presente che per definire uno “strumento” si usano una ventina di bytes in tutto (non ricordo con precisione, dovrei andare a rileggere il sorgente). Per realizzare un sinth, chiaramente, sarebbe opportuno aggiungere un display LCD e magari 6 pulsanti con le frecce su, giù, destra, sinistra e poi accetta e annulla. Con questa interfaccia utente si fa praticamente tutto…

Domanda:
Quindi se non ho ben capito gli opl-2 e opl-3 probabilmente sono usati anche nella mia yamaha dx7 (fantastico synth)
per i richiami alienti diciamo quasi !!!! l’idea sarebbe quella di costruire sei suoni usati dai rockets i gruppi simili, considera comunque che sarebbe un passatempo per me e un bel voto all’esame per mio figlio, sul fatto che si possono emulate decentemente una ventina di strumenti per me basta e avanza, se poi i suoini gernerati magari li distorci un’attimo tanto meglio, come avrai capito amo molto i suoni vintage e sopratutto le favolose sonorita’ degli organi anni 60/70 ….
un’ultima cosa, mi puoi inviare il sorgente in c del pic ??

Risposta: (qualche tempo dopo)
Bene, ho “riesumato” la cartella del progetto ed ho creato il file scaricabile midisrc.zip che contiene tutti i files in C usati per la creazione del file HEX già allegato in precedenza. Modificando questi files, è possibile ampliare o cambiare del tutto il funzionamento del circuito e quindi, con un po’ di pazienza, realizzare anche il sinth di cui si parlava all’inizio.
E’ da notare che alcuni di questi listati in C sono stati “tradotti” dai miei programmi originali in assembler e quindi presentano, a volte, una sintassi un po’ desueta, come nell’uso dei “goto”; questo, però, mi ha permesso la conversione dall’assembler al C in minor tempo.
Spero che questo lavoro sia utile e sarò lieto di continuare ad aggiungere a questa pagina gli eventuali sviluppi della situazione.

Documenti utili:
Manuale in PDF dei primi chip Yamaha YM2413 (li ho usati !) link
Manuale in PDF dei più recenti chip Yamaha YMF262 link
Manuale in PDF del chip OPTi 82C931 (controller audio ISA) link

Riconoscimento accordi

Tempo fa scrissi un programmino per testare il Visual Basic 2005 Express (gratuito, sembra incredibile, conoscendo il soggetto) di Microsoft ; ora ve lo propongo.
L’applicazione permette di riconoscere la nota fondamentale e il tipo di accordo per una qualsiasi digitazione sulla tastiera di una chitarra. Con i checkbox, a destra, si determinano quante e quali note debbano suonare, mentre i radiobutton sulle “corde” servono per indicare dove le dita faranno pressione.
Per usare una corda libera (non premuta su nessun tasto) utilizzate il primo radiobutton a sinistra ; il tipo di accordo e la nota fondamentale possono sembrare, in qualche caso, errati (per esempio Am7 verrà indicato come C6), ma le note di entrambi gli accordi sono esattamente uguali ; si tratta solo di un diverso “punto di vista”… Per una maggiore precisione si dovrebbe conoscere l’accordo precedente, in modo da estrapolare un collegamento armonico, ma questo programma non ha uno “stato precedente”, quindi tenetevelo così com’è 🙂
I tipi di accordi riconosciuti sono 13, tra questi maggiori, minori, seste, settime, aumentate, diminuite eccetera. Se il tipo di accordo risulta “boh!”, cioè non riconosciuto, provate ad eliminare qualcuna delle note attive mediante i checkbox a destra.
Il programma, quando si clicca il pulsante “play”, suona l’accordo con lo strumento MIDI n.25, che è la chitarra. Ovviamente è necessario che sul PC sia installata una scheda audio in grado di riprodurre files MIDI… e che il volume non sia azzerato 🙂  Il file di installazione può essere prelevato da questo link.
Nota importante : sul PC deve essere installato il framework .NET ; se non avete un computer a legna e carbone, probabilmente è già presente 😉
Nell’immagine in basso è visibile uno “screenshot” del programma in funzione…

chordrec

FreeBASIC – Esercizi

Steganografia
Vi propongo un altro esercizio per il FreeBASIC. Si tratta di un programmino scritto da me che consente di leggere un messaggio “nascosto” in una immagine. Il file immagine che contiene il messaggio è questo qui sotto:

foto con messaggio nascosto :)

Si tratta, come vedete, di una immagine in formato BMP con 256 toni di grigio. L’utilizzo di questo formato è dettato dalla semplicità di decodifica di tale tipo di file. Invito chiunque fosse interessato (basta fare una ricerca su Google) a studiare cosa c’è scritto nell’intestazione (lo header) di un file .BMP ; non è per niente complicato.
Bene: come possiamo “nascondere” un testo in una fotografia ? Semplice… ogni pixel di una foto in formato BMP a 256 toni di grigi è un byte che può avere un valore da 0 a 255 ; lo zero rappresenta il nero totale, il 255 invece è il bianco pieno. Tutti i valori intermedi sono i vari livelli di grigio. Allora noi che facciamo ? prendiamo il bit meno significativo di ognuno di questi bytes e lo modifichiamo per comporre una sfilza di bits che saranno il nostro messaggio testuale “nascosto”. Cambiare il colore di un pixel da 255 a 254, per esempio, risulterà totalmente invisibile all’occhio umano, perché si passerà da un bianco pieno a un bianco appena un po’ meno pieno. Lo stesso dicasi di un pixel che aveva valore 000 (tutto nero) e passa a 001 (appena un po’ meno nero). L’occhio non percepisce queste piccole differenze, specie perché è attirato dalla visione “globale” della fotografia.
Vi propongo il listato del programma sorgente in FreeBASIC che esegue il lavoro di decodifica. Appena lo avrete compilato, mandatelo in esecuzione e vi troverete un nuovo file di testo, chiamato epgficara.txt, contenente un mio breve curriculum vitae. Nota importante: mettete nella stessa cartella il programma che compilerete e il file immagine epgficara.bmp che potrete scaricare da questa pagina cliccando con il tasto destro e facendo “salva con nome” e assicuratevi che la cartella in cui mettete le cose sia provvista dei diritti di scrittura, altrimenti il programma non potrà produrre il file di testo in uscita.
Ecco, quindi, il file sorgente per FreeBASIC:

dim shared as string nfi, a
dim shared as long start, leng, fl
dim shared as ubyte db, src

print "Decodifica steganografia in file BMP - 256 livelli grigio - V13.0316 - (c)2013 Emilio P.G. Ficara"
nfi = "epgficara.bmp" ' nome del file da decodificare
If Dir(nfi) = "" then
  Print "Errore: il file ";nfi;" non esiste"
  Goto exits
EndIf

Open nfi for binary as #1 ' apri il file da leggere
a = Input$(54,#1) ' leggi solo l'intestazione (header)
If Left(a, 2) <> (Chr(&h42) + Chr(&h4d)) then ' se errato il "magic number"
  Print "Errore: non è un file BMP"
  Goto exits
EndIf
If Mid(a,&h1C+1,2) <> (Chr(8)+Chr(0)) then ' se non è 8 bit per pixel
  Print "Errore: non è 8 bit per pixel"
  Goto exits
EndIf
If Mid(a,&H1E+1,4) <> (Chr(00)+Chr(00)+Chr(00)+Chr(00)) then ' se è compresso
  Print "Errore: è compresso RLE-8 o RLE-4"
  Goto exits
EndIf
If Mid$(a,&H2E+1,4) <> (Chr(00)+Chr(01)+Chr(00)+Chr(00)) then ' se non è 256 toni di grigio
  Print "Errore: non è 256 toni di grigio"
  Goto exits
EndIf

start = Asc(Mid(a,&H0a+1,1)) ' calcola l'indirizzo di inizio del primo pixel d'immagine
start = start + Asc(Mid(a,&H0b+1,1))*&H100
start = start + Asc(Mid(a,&H0c+1,1))*&H10000
start = start + Asc(Mid(a,&H0d+1,1))*&H1000000

leng = Asc(Mid(a,&H22+1,1)) ' calcola lunghezza in bytes dell'immagine
leng = leng + Asc(Mid(a,&H23+1,1))*&H100
leng = leng + Asc(Mid(a,&H24+1,1))*&H10000
leng = leng + Asc(Mid(a,&H25+1,1))*&H1000000

Open "epgficara.txt" for output as #9 ' apri file di uscita (testo)

fl = 54 ' salta la tabella dei colori
While fl < start
  get #1,,src ' leggi un pixel (un byte) del file BMP
  fl = fl+1
Wend

fl = 0 ' contatore dei bytes in input
db = 0 ' byte ricomposto dai singoli bits (inizialmente a 0)
While fl < leng
  If (fl > 0) And ((fl and 7) = 0) then ' per 8 bytes di immagine (excludendo il primo)
    Print #9, Chr(db); ' scrivi un carattere sul file di output (testo)
    db = 0 ' azzera il byte per la ricomposizione dei bits
  EndIf

  get #1,,src ' leggi un pixel (un byte) dal file BMP
  If (src and &H01) then ' se il nostro bit nascosto è 1
    db = db Or (2 ^ (fl and 7)) ' metti a 1 il relativo bit nel byte ricomposto
  EndIf
  If db = &Hff then exit while ' se trovo la combinazione &HFF (8 volte 1), il testo è finito
  fl = fl + 1 ' altrimenti incremento il numero di bytes letti
Wend

exits:
close ' chiudi tutti i files aperti
End

P.S. se qualcuno preferisse avere il programma già compilato e pronto per essere eseguito, potrà scaricare il file stegodec.zip , decomprimerlo in una qualsiasi cartella, aggiungere -come detto prima- il file BMP da decrittare e lanciare l’eseguibile. Non è richiesta alcuna installazione, non viene modificata nessuna voce di registro.