Un altro telecomando TV per smartphone Android

Sì, l’ho fatto ancora. In un mio precedente articolo descrivevo come costruire una interfaccia da collegare al telefonino per poterlo usare come telecomando per il TV. L’applicazione Android permetteva, in quel caso, di controllare un TV di modello Sony Bravia, che utilizza un protocollo a infrarossi di tipo NEC. Ora non ho più quel televisore ed ho un piccolo Telefunken, che però usa un protocollo a infrarossi di tipo RC5, che è completamente diverso. Allora ho scritto una nuova applicazione, mantenendo sempre la stessa interfaccia hardware. E’ da notare che la distanza di funzionamento di questa versione è inferiore alla precedente. Purtroppo, la frequenza generata col sistema descritto nella pagina citata a inizio articolo è sempre di 38.4 KHz che è molto vicina ai 38 KHz “standard” del protocollo NEC, ma purtroppo è un po’ distante dai 36 KHz canonici del protocollo Philips RC5. Comunque, funziona lo stesso, dato che il notch filter del ricevitore non è proprio così stretto in frequenza, ma ha una “campana” ampia a sufficienza per tollerare questo errore in frequenza… Per la corretta temporizzazione delle fasi di “pieno / vuoto” ho utilizzato i pattern che derivano da 11 bytes di valore 0x5B per il “pieno” (burst di frequenza) e 11 bytes di valore 0x00 per il “vuoto” (pausa). Durante la trasmissione di 11 bytes di valore 0x00 si avranno comunque dei “glitches” di 8.68 uS attivi alti, perché questi sono gli “stop bits” della trasmissione che non posso eliminare. Per fortuna, i circuiti di ricezione presenti nei TV hanno una funzione di “filtro” che elimina questi disturbi. I filtri sono indispensabili perché alcuni tipi di illuminazione domestica (specie i tubi al neon) emettono disturbi nello spettro dell’infrarosso con una potenza notevole (provare per credere). Senza una “ripulita” del segnale, i telecomandi sarebbero poco efficienti. Comunque, i prossimi controlli remoti per TV saranno via radio, con i soliti 2.4GHz che ci stanno rendendo le case simili a forni a microonde… 🙂

Perché il tutto funzioni, è necessario che la versione Android sia in grado di gestire le periferiche USB, naturalmente. Nella figura sottostante potete vedere lo screenshot del programma in funzione.

Il programma in funzione: iRemUSB-RC5

Il programma in funzione: iRemUSB-RC5

La App iRemUSB-RC5.apk è scaricabile gratuitamente dalla mia pagina di Google Play.